La "Scuola dell'Amicizia" è una scuola elementare per bambini provenienti da ambienti più poveri e per i cosiddetti "restaveks".

I restavek sono bambini, spesso provenienti dalla campagna, che non possono essere nutriti dai propri genitori e sono quindi affidati a parenti o famiglie ospitanti in città. Lì di solito devono fare tutti i lavori di casa e altri lavori faticosi e non ricevono soldi per questo, ma spesso solo un posto di fortuna per dormire e un po' di cibo. È una forma moderna di schiavitù. Ci si aspetta che le famiglie ospitanti mandino i bambini Restavek a scuola anche solo per mezza giornata, ma molto spesso non è così, soprattutto quando vengono richieste le tasse scolastiche.


Nel nostro news ticker "Ecole Amitié", ti teniamo sempre aggiornato su quello che succede nella scuola e su come vengono utilizzate le tue donazioni.

Sentitevi liberi di dare un'occhiata

Imparare per la vita

Il progetto Ecole Amitié a Cap Haitien

www.ecoleamitie.com

Aperta nel 1996 in una baraccopoli di Cap Haitien nel nord-est di Haiti, questa scuola esiste da più di 20 anni nonostante i continui disordini politici, i disastri naturali e altre difficoltà. Fino ad oggi, i suoi coraggiosi fondatori lottano per la sua sopravvivenza e i suoi miglioramenti graduali. L'iniziatore e fondatore del progetto, l'insegnante haitiano Pierre Wallace, è morto nel 2005, ma il suo successore Joel Ambroise e la pittrice tedesca Laetitia Schütt, che vive a Cap Haitien, e sua sorella Cornelia, così come la volontaria Regina Matt, che raccoglie donazioni per la scuola in Germania, sono ancora molto coinvolti.

L'Ecole Amitié è diventata un pilastro sociale ben consolidato nel villaggio e fornisce accesso all'istruzione di base a circa 800 bambini ogni anno. Il programma scolastico offre due anni di scuola materna, dopo di che gli studenti vengono istruiti dal 1° al 6° grado. Si insegna la lettura e la scrittura (in creolo haitiano e francese), la matematica di base e alcune utili conoscenze generali.

Oltre alle lezioni scolastiche, i bambini hanno anche l'opportunità di partecipare ad alcune attività di svago, che sono accettate con entusiasmo. Nella scuola è stato anche fondato un club di judo. Le attività musicali come la partecipazione a un coro o a una banda di ottoni sono molto popolari, e la creatività dei bambini è rafforzata nei corsi d'arte.

C'è anche una scuola di cucito che può mostrare agli studenti più grandi la strada verso un futuro autodeterminato e un lavoro pagato. Le uniformi scolastiche e anche i loro propri vestiti sono così confezionati a basso costo e rendono i loro creatori particolarmente orgogliosi e felici. L'esperienza acquisita aumenta anche le opportunità di lavoro delle sarte.

Un'altra componente del programma scolastico è quella di rafforzare la fiducia in se stessi dei bambini e di informarli sui loro diritti. Dato che i Restavek sono di solito sfruttati dalle loro famiglie ospitanti e non di rado subiscono violenze e abusi, rafforzare la loro identità è particolarmente importante. Li aiuta anche a vedere prospettive future positive per se stessi. Questi sono completamente negati a loro in circostanze normali, il che rende la situazione dei restavek un problema importante ad Haiti.

Una vita quotidiana dura con
battute d'arresto inaspettate

Purtroppo, il 20° anniversario dell'Ecole Amitie non sta provocando un umore allegro all'Ecole Amitié in questo momento, perché c'è di nuovo un'atmosfera di crisi politica nel paese, causata dall'elezione di un nuovo presidente, che è stata rinviata diverse volte. È stato anche un anno difficile per Ecole Amitié dal punto di vista finanziario, perché oltre ai problemi di raccolta fondi, la scuola è stata più volte al centro di tempeste distruttive e inondazioni. Queste si verificano frequentemente ad Haiti e causano sempre delle battute d'arresto a causa dei danni alle infrastrutture, per le quali devono essere spese preziose donazioni. Questi fondi mancano poi altrove. Le sovvenzioni del governo sono ripetutamente cancellate, quindi la scuola dipende molto dall'aiuto di volontari e gli insegnanti a volte devono aspettare molto tempo per i loro già modesti stipendi. Purtroppo, anche a causa della mancanza di fondi e dell'assenza di consegne di cibo da parte dello Stato o di organizzazioni umanitarie, la scuola deve sospendere l'importante ristorazione scolastica fino a nuovo ordine. Questo è molto problematico, poiché il pranzo scolastico è stato l'unico pasto sicuro della giornata per alcuni bambini fino ad ora e anche un importante incentivo per le famiglie ospitanti di Restavek a mandare questi bambini a scuola in primo luogo.

Attraverso un contatto personale con la cantante haitiana TiCorn, ("petite Cornelia" Schütt è di origine tedesca) siamo venuti a conoscenza del lavoro esemplare di Ecole Amitie e vorremmo ora contribuire alla sua continuazione.

Nell'ambito della collana "Chansons d'Haiti - TiCorn", un libro di canzoni creole con le sue composizioni sarà pubblicato nel 2019 e distribuito gratuitamente alle scuole di tutta Haiti. Questo progetto di conservazione delle canzoni haitiane è stato sostenuto anche da VIVANI.

"TiMoun Solèy"( Children of the Sun) è già una delle più popolari canzoni creole per bambini.

 

www.ticorn.com

facebook.com/TiCornMusic